Le migliori piastre per capelli del 2022

Confronta le migliori piastre per capelli del 2022 e leggi la nostra guida all'acquisto.

Dyson Corrale

La migliore

TeknoZone
Phoneclick
Monclick
Amazon
Euronics
Tecnologia di funzionamentoTradizionale
Ionizzatore
Livelli di temperatura3
Temperatura massima210 °C
Temperatura minima165 °C
Sistema selezione temperaturaDisplay digitale, LED, Tasti
Sensore di controllo temperatura
Tempo di riscaldamento30 sec
Dimensioni piastre11 x 3 cm
RivestimentoTormalina, Lega di rame
Forma arrotondata
Piastre basculanti
Estremità termoisolate
Lunghezza cavo4,34 m
VoltaggioUniversale
Anello d'aggancio
Blocco piastre
Cavo girevole
Blocco temperatura
Spegnimento automatico
AlimentazioneCavo, Batteria ricaricabile
AccessoriPochette
Punti forti
  • Modalità di utilizzo ibrida (con o senza cavo) per una autonomia maggiore
  • Permette di realizzare diversi tipi di styling
  • Ideale per il viaggio
  • Estremamente efficace grazie alle piastre basculanti e al controllo automatico del calore
  • Si riscalda in 30 secondi
Punti deboli
  • Prezzo elevato
Remington Keratin Protect S8598

Il miglior rapporto qualità prezzo

Amazon
Media World
Bpm power
Manomano
Tecnologia di funzionamentoTradizionale
Ionizzatore
Livelli di temperatura5
Temperatura massima230 °C
Temperatura minima160 °C
Sistema selezione temperaturaTasti
Sensore di controllo temperatura
Tempo di riscaldamento15 sec
Dimensioni piastre11 x 2,8 cm
RivestimentoCeramica, Cheratina, Olio di Argan
Forma arrotondata
Piastre basculanti
Estremità termoisolate
Lunghezza cavo1,80 m
VoltaggioUniversale
Anello d'aggancio
Blocco piastre
Cavo girevole
Blocco temperatura
Spegnimento automatico
AlimentazioneCavo
AccessoriCustodia
Punti forti
  • Con rivestimento infuso di olio di mandorla
  • Voltaggio universale
  • Riscaldamento in soli 15 secondi
  • Ideale anche per capelli rovinati
ghd Platinum+ Styler
Outlethair
Bulbostore
Modeling Shop
Emma Parrucchieri
Amazon
Tecnologia di funzionamentoTradizionale
Ionizzatore
Livelli di temperatura1
Temperatura massima185 °C
Temperatura minima185 °C
Sistema selezione temperaturaTasti
Sensore di controllo temperatura
Tempo di riscaldamento20 sec
Dimensioni piastre9 x 2,68 cm
RivestimentoCeramica
Forma arrotondata
Piastre basculanti
Estremità termoisolate
Lunghezza cavo2,7 m
VoltaggioUniversale
Anello d'aggancio
Blocco piastre
Cavo girevole
Blocco temperatura
Spegnimento automatico
AlimentazioneCavo
AccessoriCappuccio protettivo
Punti forti
  • Si adatta al capello grazie alla ultra-zone predictive technology
  • Styling liscio, mosso, boccoli
  • Ideale in viaggio grazie al voltaggio universale
  • Riscaldamento in 20 secondi
  • Temperatura ideale costante che non rovina i capelli
Punti deboli
  • Prezzo elevato
ghd Gold Styler
Passione Professionale
Bulbostore
Emma Parrucchieri
Label Hair
Amazon
Tecnologia di funzionamentoTradizionale
Ionizzatore
Livelli di temperatura1
Temperatura massima185 °C
Temperatura minima185 °C
Sistema selezione temperaturaTasti
Sensore di controllo temperatura
Tempo di riscaldamento25 sec
Dimensioni piastre9 x 2,54 cm
RivestimentoCeramica
Forma arrotondata
Piastre basculanti
Estremità termoisolate
Lunghezza cavo2,7 m
VoltaggioUniversale
Anello d'aggancio
Blocco piastre
Cavo girevole
Blocco temperatura
Spegnimento automatico
AlimentazioneCavo
AccessoriCappuccio protettivo
Punti forti
  • Prestazioni eccellenti grazie al controllo costante della temperatura
  • Possibilità di creare uno styling liscio e mosso
  • Utilizzabile in viaggio grazie al voltaggio universale
Babyliss ST255E Sleek Finish 230
Amazon
Bpm power
Prezzo Forte
Euronics
MondoTop
Tecnologia di funzionamentoTradizionale
Ionizzatore
Livelli di temperatura3
Temperatura massima230 °C
Temperatura minima180 °C
Sistema selezione temperaturaTasti
Sensore di controllo temperatura
Tempo di riscaldamento30 sec
Dimensioni piastre11 x 2,5 cm
RivestimentoCeramica, Titanio
Forma arrotondata
Piastre basculanti
Estremità termoisolate
Lunghezza cavo2 m
VoltaggioUniversale
Anello d'aggancio
Blocco piastre
Cavo girevole
Blocco temperatura
Spegnimento automatico
AlimentazioneCavo
AccessoriTappetino termoisolante
Punti forti
  • Facilissima da usare
  • Tre temperature preimpostate
  • Per styling liscio e mosso
  • Rivestimento delicato sui capelli
Punti deboli
  • Poche funzioni

Come scegliere la piastra per capelli

Il mondo degli styler per capelli si è negli ultimi anni ampliato moltissimo grazie all’introduzione di nuovi dispositivi per asciugare e mettere in piega la chioma. Basti pensare alle spazzole rotanti, a quelle riscaldate, alle spazzole liscianti e ai nuovissimi apparecchi multifunzione per modellare i capelli, che consentono di asciugare e ottenere diversi styling, il tutto con un unico dispositivo. Le piastre per capelli rimangono tuttavia il dispositivo più semplice e pratico per lisciare, modellare e arricciare le ciocche a piacimento e per questo è, ancora oggi e nonostante tutte le novità del settore, l’apparecchio per la cura dei capelli più diffuso nelle nostre case dopo l’asciugacapelli.Piastra per capelliSul mercato vengono ogni anno lanciati nuovi modelli. Come capire le differenze e acquistare il modello di piastra più adatto alle proprie esigenze? Tante sono le caratteristiche tecniche e strutturali da tenere in considerazione. In questa guida all’acquisto vi illustreremo quali siano i fattori più importanti per valutare una piastra per capelli, in modo da acquistare quella più efficace, adatta ad ottenere i risultati voluti e sicura per la propria chioma.

1. Tecnologia e rivestimento

Il fattore tecnologia e rivestimento è il primo elemento decisivo nella scelta della piastra per capelli più adatta da acquistare, perché descrive il principio di funzionamento dell’apparecchio e influenza completamente una serie di fattori quali l’efficacia della piastra, la delicatezza dell’azione che questa esercita sulla chioma e anche il prezzo finale a cui viene venduto il prodotto.
Piastra per capelli tecnologia e rivestimentiNello specifico, questo fattore include due elementi, che sono il rivestimento (ovvero i materiali che ricoprono le due piastre interne dell’apparecchio, tra le quali si posizionano le ciocche di capelli) e la tecnologia di funzionamento (che ci indica se la piastra in questione funziona sfruttando l’azione del vapore, dei raggi infrarossi o semplicemente il calore). Alcune piastre dispongono poi di uno ionizzatore, un elemento che svolge un’azione anticrespo sulla chioma.
Nei paragrafi a seguire descriviamo tutti questi elementi e le proprietà benefiche che hanno sui capelli.

Rivestimenti

Si sente spesso parlare di “tecnologia ceramica” o di “piastra in ceramica”: queste indicazioni si riferiscono al rivestimento delle due piastre riscaldate, dette anche “placche“, che si trovano nelle due parti richiudibili che compongono una piastra per capelli.
In passato, la tendenza era quella di non rivestire le piastre con materiali particolari, mentre negli ultimi anni si preferisce rivestirle con materiali utili ad evitare che la chioma subisca stress termico, ed esercitare quindi un’azione più delicata.
Ecco in breve le caratteristiche di tutti i materiali con cui può essere rivestita la placca interna di una piastra per capelli. Sotto la tabella trovate una spiegazione dettagliata.

Materiale Caratteristiche
Ceramica Distribuzione uniforme del calore
Non causa stress termico
Scorrevole sulla chioma
Titanio Leggero
Robusto
Ipoallergenico
Spesso associato alla ceramica
Tormalina Più scorrevole sui capelli
Robusta
Azione ionizzante contro l’effetto crespo
Lega di rame Placche più flessibili
Più aderenza e presa sulla ciocca
Messa in piega più precisa e veloce
Cheratina, olio di Argan, proteine della seta, perla Abbinate solitamente alla ceramica
Idratano i capelli

Vediamo nello specifico le caratteristiche dei singoli materiali solitamente utilizzati per le piastre.

Ceramica
È il materiale più diffuso perché è in grado di distribuire uniformemente il calore, in modo da non provocare stress termico ai capelli e rendere il movimento più fluido e scorrevole. La qualità e quantità della ceramica utilizzata può variare e nei prodotti più sofisticati e costosi troviamo rivestimenti di ultima generazione ad alto contenuto di ceramica ultraresistente.
Piastra per capelli rivestimento in ceramica
Tormalina
Questo materiale viene di solito associato al rivestimento in ceramica, visto che ne aumenta la capacità di scorrere in maniera fluida sulla chioma. La tormalina conferisce inoltre una robustezza maggiore alla struttura e, per sua natura, ha un effetto ionizzante sulla chioma.

Titanio
Anche questo materiale tende ad essere associato alla ceramica (ma può anche essere utilizzato da solo) e si caratterizza per una maggiore leggerezza rispetto alla tormalina e alla ceramica. Il titanio è inoltre ipoallergenico e ancor più robusto.Piastra per capelli rivestimento in titanio

Cheratina, olio di Argan, proteine della seta, perla
Molte piastre in commercio abbinano alla ceramica (o ad un altro deglii materiali) altre sostanze con effetti benefici sui capelli, in modo da arricchire ancor di più il prodotto e aumentarne la delicatezza sulla chioma. Alcune di queste sostanze sono, ad esempio, l’olio di argan, la cheratina, le proteine della seta e rivestimenti in perla: tutti elementi in grado di rendere i capelli più morbidi, brillanti, idratati e protetti.

Lega di rame
Questo materiale è stato introdotto più recentemente in alcuni modelli di piastra (prima tra tutte l’ambitissima Corrale di Dyson) perché molto più flessibile rispetto ai materiali elencati sopra. Una piastra con placche troppo rigide causa infatti una tensione non omogenea dei capelli e spesso non riesce a “contenere” tutti i capelli della ciocca fino alla fine della passata. Con l’uso del rame le placche della piastra avvolgono e si plasmano sulla ciocca, evitano una tensione disomogenea dei capelli e permettendo una presa migliore. Il risultato è una stiratura più veloce e soprattutto più precisa, anche a temperature inferiori, con la conseguente riduzione dei danni alla superficie dei capelli.Piastra per capelli lega in rame

Tecnologie

La più semplice tecnologia di funzionamento di una piastra per capelli è quella che sfrutta soltanto il calore emesso dalle due piastre riscaldate: questo, da solo, è in grado di lisciare i capelli e dare loro la piega desiderata. Questo video vi mostra il confronto tra una piastra “tradizionale” che sfrutta il calore e una che invece si basa sulla tecnologia a vapore:

Nel tempo le piastre si sono evolute e, al semplice calore, vengono affiancati altri sistemi più tecnologici, che sfruttano, ad esempio, il vapore oppure i raggi infrarossi.
Sempre più piastre, come quella in foto qui sotto, sono poi dotate di ionizzatore, un dispositivo che si è affermato inizialmente nel campo degli asciugacapelli, ma si sta diffondendo sempre di più tra gli altri prodotti per la cura dei capelli.Piastra per capelli ionizzatoreNon tutte queste tecnologie si escludono tra loro: in commercio è ad esempio possibile trovare piastre con rivestimento in ceramica e ionizzatore che funzioni con gli infrarossi o con il vapore. Vediamo più nel dettaglio quali sono le principali tecnologie alternative al calore di cui una piastra può essere dotata.

Piastra a vapore
Questo genere di piastra è l’ultima novità in fatto di cura dei capelli e prevede un funzionamento diverso rispetto agli apparecchi tradizionali. La piastra a vapore è infatti composta da una “mini caldaia” in cui viene inserita e scaldata dell’acqua.
Tramite appositi fori erogatori, la piastra eroga quindi vapore, in modo simile a un ferro da stiro. La piastra a vapore è la più delicata sui capelli, visto che il vapore, invece di rovinarli o seccarli come le piastre a caldo, ha il vantaggio di idratare, ammorbidire e lisciare a fondo la chioma.
La messa in piega ottenuta con una piastra a vapore dura molto più a lungo rispetto a quella effettuata con piastre tradizionali. La piastra a vapore è attualmente molto utilizzata nei saloni di bellezza e negli ultimi anni si è diffusa anche in ambito domestico, anche perché è attualmente disponibile in commercio ad un prezzo più conveniente rispetto al passato. Potete vedere un esempio di piastra a vapore nel seguente video:

Piastra a infrarossi
Senza dilungarci in complesse spiegazioni scientifiche, possiamo dirvi che la piastra per capelli a raggi infrarossi prevede un principio di riscaldamento differente rispetto alle piastre standard e, di conseguenza, una diversa modalità di stiratura della chioma: in questo genere di apparecchi, infatti, i capelli vengono riscaldati, tramite luce infrarossa, dall’interno verso l’esterno, in modo da evitare un’eccessiva esposizione della superficie del capello al calore.
Questa tecnologia offre il vantaggio di effettuare una messa in piega e una stiratura che durino più a lungo, senza rovinare troppo la superficie esterna dei capelli. Il prezzo di questo genere di piastra per capelli è medio-alto o alto e, nonostante in molte si siano “convertite” già a questa nuova modalità di stiratura dei capelli, molte altre persone sono in realtà ancora un po’ dubbiose sulle eventuali ripercussioni che tale tipologia di riscaldamento dall’interno potrebbe avere sulla salute dei capelli.Piastra per capelli tecnologia a infrarossi

Tecnologia agli ioni
Alcune piastre per capelli sono dotate di uno ionizzatore, un dispositivo che è in grado di emettere delle particelle cariche negativamente, la cui azione sulla chioma è quella di renderla meno carica elettricamente, contrastando l’effetto crespo ed elettrostatico comune dopo l’uso della piastra. Le piastre che includono all’interno della propria struttura un generatore di ioni sono sempre più diffuse poiché in grado di lisciare i capelli conferendo loro una maggiore lucentezza e morbidezza.

2. Dimensioni e struttura

Le dimensioni e la struttura di una piastra per capelli costituiscono, insieme, un fattore molto importante da considerare perché, in base alla lunghezza e foltezza dei capelli, nonché al tipo di acconciatura che si desidera realizzare, bisognerà assicurarsi una piastra dalle misure adeguate alla propria chioma e dalla forma adatta alla messa in piega che si desidera ottenere.Piastra per capelli formaNei due paragrafi successivi analizziamo questi due elementi nel dettaglio, fornendo indicazioni più precise su quale piastra scegliere in base al vostro tipo di capelli e al vostro obiettivo.

Larghezza e lunghezza delle placche

La maggior parte delle placche nelle piastre per capelli in commercio ha misure standard, adatte a capelli medi e medio-lunghi. Tuttavia, se avete i capelli particolarmente corti (ma anche la frangetta o ciuffi scalati molto corti), dovreste cercare una piastra con placche larghe 2,5 cm circa mentre, al contrario, per chiome molto lunghe torneranno utili placche larghe circa 5 cm, in modo da risparmiare tempo e lisciare i capelli in maniera più efficiente.
Anche per i capelli molto spessi sono consigliabili placche più grandi, mentre per quelli sottili sono meglio più piccole per ottenere una presa migliore. La lunghezza delle piastre è tendenzialmente standard, ma in alcuni modelli è maggiore (si arriva anche a 11-12 cm di lunghezza), aiutando la piastra a scorrere in maniera più fluida sui capelli e velocizzando il processo di stiratura.
Oltre al discorso relativo alle misure e alla qualità dei capelli, anche gusti e abitudini personali possono influenzare questa scelta e rendere un tipo di piastra preferibile rispetto ad un altro. Questi sono comunque dettagli che, con un po’ di esperienza, saprete sicuramente valutare meglio.
In questo video potete vedere la differenza tra tre tipi di piastre con placche che vanno dai 2,5 ai 3,5 cm di larghezza:

La forma

In base alla forma che la piastra possiede è possibile ottenere diverse tipologie di acconciature, che sono le seguenti:

  • Capelli lisci: questo genere di piastra ha una forma squadrata, ed è dedicata esclusivamente alla stiratura della chioma;
  • Capelli sia lisci che mossi: il design delle estremità della piastra è arrotondato e la larghezza consente di attorcigliare una ciocca intorno alla parte riscaldata;
  • Frisé: queste piastre hanno una forma particolare con delle ondulature che ricordano una linea a zig zag, e sono specifiche per ottenere l’effetto frisé; nel caso in cui la superficie presenti onde ampie e arrotondate, la piastra è pensata per creare le cosiddette beach waves, onde più morbide e naturali.

Ricordiamo, inoltre, che esistono in commercio delle piastre “multistyler” con delle placche smontabili e sostituibili con altri pezzi, in modo da avere un unico prodotto che permette di realizzare una molteplicità di acconciature.
Il video che segue vi mostra le differenze tra una piastra dal design arrotondato e un’altra che, invece, ha un design squadrato.

3. Temperatura

La temperatura è tra i fattori decisivi per la scelta della piastra per capelli: il calore emesso dall’apparecchio è infatti importante per ottenere l’acconciatura desiderata e per preservare la salute della chioma. Se non si impostano le adeguate temperature di lavorazione si rischia di rovinare i capelli, oltre che di non ottenere l’effetto di stiratura o la messa in piega desiderata. In commercio è possibile optare per piastre che offrono la possibilità di scegliere tra un range più o meno ampio di temperature per scegliere quella più adeguata alla propria chioma e al tipo di acconciatura che si vuole ottenere; ci sono poi piastre che sono invece dotate di temperatura automatica che, come vedremo, può essere una temperatura ideale già preimpostata o variare automaticamente in base al tipo di capelli su cui viene utilizzata la piastra.

Selezione manuale della temperatura

Le piastre che presentano una serie di opzioni di calore tra cui scegliere sono quelle più comuni e le più classiche. Scegliere la temperatura manualmente permette di variarla in base alle proprie necessità, come il tipo di capelli (sottili o spessi, crespi, rovinati) o il tipo di messa in piega da realizzare. La possibilità di selezionare la temperatura è utile poi quando si fa un utilizzo condiviso della piastra: due persone con capelli diversi (magari una mamma con i capelli tinti e un’adolescente con i capelli lunghi e folti) devono necessariamente variare il calore con cui si stirano i capelli. O, ancora, la selezione del calore è importante per tutti coloro che hanno capelli particolarmente spessi o ricci e difficili da stirare.Piastra per capelli selezione temperaturaLe piastre per capelli più complete che si trovano attualmente in commercio tendono a coprire un range molto ampio che va dai 130 fino ai 200 o anche ai 230 °C, offrendo il massimo della versatilità in termini di selezione del calore. I modelli più semplici hanno invece un intervallo decisamente più ridotto, mentre quelli più essenziali che, tra l’altro, sono spesso anche i più economici oppure i modelli da viaggio, non consentono di variare la temperatura.
Di seguito, una piccola guida per selezionare l’impostazione della temperatura più adatta ai diversi tipi di capelli:

Tipo di capelli Temperatura consigliata
Capelli sottili, deboli e/o molto trattati 140 – 150 °C
Capelli normali e/o mediamente trattati 160 – 180 °C
Capelli mossi e/o leggermente trattati 200 °C
Capelli spessi, difficili da trattare e ricci 230 °C

Temperatura automatica

Non sempre l’assenza di selezione di temperatura è indice di un prodotto meno sofisticato o poco attento alla salute dei capelli: molte delle piastre di tipo professionale, ad esempio, hanno una temperatura standard ritenuta ottimale per la maggior parte dei capelli normali o misti e, per tale motivo, non includono la possibilità di variazione da parte dell’utilizzatore. Questa temperatura è, secondo alcuni studi, pari a 185° C, un punto di calore tale da consentire di modellare i capelli senza rovinarli. Un marchio molto noto, ghd, ha adottato questa come la temperatura ottimale standard su tutte le sue piastre che, infatti, non consentono di modificare il livello di calore.

Sensori di controllo e mantenimento della temperatura

Alcuni modelli recenti prevedono particolari sensori che consentono di monitorare la temperatura e mantenerla costante, in modo che non vi siano picchi di calore lungo la superficie delle placche. A rovinare il capello è proprio il fatto che a volte la temperatura non viene mantenuta costante, causando eccessi di calore che rendono disomogeneo lo styling e soprattutto rischiano di rovinare i capelli.Piastra per capelli controllo digitale temperaturaAltre piastre più sofisticate, invece, sono dotate di sensori che rilevano la tipologia dei capelli e si settano automaticamente sulla temperatura ideale per non rovinarli. Questa tecnologia è presente sia nelle piastre classiche, sia in quelle con temperatura automatica, dove svolgono la funzione di variare leggermente la temperatura in base al capello e alla velocità con cui la piastra viene fatta passare sui capelli; un modello dotato di questa tecnologia è, ad esempio, la ghd Platinum+ Styler.

4. Funzioni

Le funzioni che una piastra per capelli può avere sono un fattore che influenza la scelta d’acquisto perché ampliano la comodità nell’usare il prodotto e la sua versatilità. Tra l’altro alcune funzioni, quali ad esempio la possibilità di utilizzare la piastra su capelli bagnati, sono specificamente ricercate da utenti con esigenze particolari. Di seguito, un elenco di tutte le possibili funzioni che potete trovare in una piastra per capelli.

Autospegnimento

Alcuni modelli prevedono la possibilità di spegnersi da soli dopo un periodo di inutilizzo, che può andare dai 20 ai 60 minuti. Tale possibilità appare particolarmente utile per evitare di sprecare la corrente elettrica, ma anche per non lasciare la piastra in funzione e rischiare di provocare incidenti.

Blocco delle funzioni

Una funzione interessante è il blocco delle funzioni: una volta selezionata la temperatura desiderata è possibile bloccare le impostazioni scelte in modo tale che rimangano invariate anche durante l’uso delle piastra e non vengano, per esempio, modificate accidentalmente mentre si impugna l’apparecchio. In alcuni modelli questa funzione di blocco si attiva in automatico e per modificare nuovamente le impostazioni basterà tenere premuto il pulsante indicato per alcuni secondi.

Blocco delle piastre

Consiste in un piccolo pulsante che blocca le piastre in posizione chiusa, per evitare che queste restino aperte e possano rovinarsi (magari in borsa, oppure in un mobile o cassetto dove si ripone abitualmente la piastra) e, in generale, per fare in modo che la struttura sia più compatta e meno ingombrante. A svolgere la funzione di blocco e protezione della piastra a volte può essere anche un accessorio in plastica o gomma da applicare sulle piastre per mantenerle chiuse o lo stesso tappetino isolante incluso che può essere avvolto e bloccato attorno alla piastra stessa.
La differenza tra una piastra dotata di questo blocco e una che, invece, ne è sprovvista, è visibile in questo video.

Riscaldamento veloce

Questa funzione si trova su diverse piastre per capelli, a partire da quelle di livello medio, e consiste nel raggiungimento veloce (o, in alcuni casi, super-veloce!) della temperatura desiderata, in modo da ridurre in maniera consistente i tempi d’attesa per l’utilizzo del prodotto. Questo periodo di riscaldamento può essere di un paio di minuti, ridotti ad uno nei modelli un po’ più avanzati e a 30 o 15 secondi nei modelli top di gamma.

Visualizzazione e selezione impostazioni

Anche se non rappresenta una vera e propria funzione, la presenza di un piccolo schermo, che in alcuni casi è anche a colori e retroilluminato, rende sicuramente l’utilizzo della piastra e la selezione e visualizzazione delle impostazioni di temperatura molto comoda e chiara.Piastra per capelli display

Funzionamento su capelli bagnati

Alcune piastre consentono di iniziare la messa in piega già sui capelli bagnati oppure umidi, senza necessità di asciugarli dopo lo shampoo. Bisogna fare attenzione a controllare che questa funzione sia presente (è sempre indicata solitamente anche nel nome della piastra), perché normalmente le piastre sprovviste di tale possibilità non possono assolutamente essere utilizzate sui capelli bagnati.

5. Praticità d’uso

Il fattore relativo alla praticità d’uso consiste in una valutazione dell’uso pratico della piastra ed è importante da considerare, soprattutto se la utilizzate con una certa frequenza. Si pensi, infatti, a tutti coloro che hanno l’abitudine di piastrare quotidianamente i capelli: sarà molto più comodo farlo avvalendosi di uno strumento abbastanza leggero che non stanchi le braccia. Gli elementi che contribuiscono ad aumentare la praticità d’uso di una piastra per capelli sono il tipo di alimentazione, peso e maneggevolezza e gli accessori inclusi. Andiamo a vedere nel dettaglio questi elementi.

Alimentazione

Oggi una piastra per capelli può essere alimentata anche a batteria e non soltanto, come un tempo, tramite cavo elettrico. Vediamo le differenze tra gli uni e gli altri modelli.

Piastre senza fili
L’ultima novità quando parliamo di piastre da un punto di vista della praticità d’uso è la possibilità di utilizzarle senza doverle connettere alla presa di corrente. Si tratta quindi di piastre cordless alimentate da una batteria ricaricabile al litio capace di durare almeno 30 minuti, il tempo minimo necessario per una messa in piega. Presentando una base di ricarica, la piastra può essere anche messa in carica ogniqualvolta la si debba appoggiare per procedere con la messa in piega, in modo da prolungare il tempo di carica. L’unico aspetto da tener presente è il peso, spesso leggermente maggiore rispetto a quello di una piastra normale.

Piastre con cavo
La maggior parte delle piastre in commercio è alimentata da corrente elettrica. In questo caso uno degli aspetti importanti per rendere la piastra più facile da maneggiare è la lunghezza del cavo e il fatto che sia girevole, due caratteristiche che ampliano la libertà di movimento. Un cavo con una buona lunghezza (ad esempio di almeno 2 m) rende più semplice l’utilizzo della piastra dove si preferisce, anche non troppo vicino ad una presa di corrente. Un cavo lungo rende anche la piastra più maneggevole durante la messa in piega. Il fatto che sia girevole, invece, evita che il cavo si attorcigli su se stesso mentre si gira la piastra soprattutto per creare boccoli e onde. In mancanza di una custodia, può essere utile un anello per appendere la piastra a un gancio a parete, come quello in foto qui sotto.Piastra per capelli cavo e gancio girevole
Voltaggio universale
Dal punto di vista dell’alimentazione, molto utile è anche il voltaggio universale, che rende possibile l’utilizzo della piastra all’estero, dove il voltaggio è differente. Alcuni brand prevedono inoltre la possibilità di trasportare la piastra in aereo nel bagaglio a mano. Se siete quindi grandi viaggiatori e viaggiatrici e non volete separarvi dalla vostra piastra, acquistarne una con tale caratteristica è sicuramente un’ottima soluzione.

Peso e maneggevolezza

Le piastre per capelli dalle dimensioni standard non hanno quasi mai un peso eccessivo, ma si mantengono quasi sempre intorno ad un range che va dai 500 g ad 1 kg circa, e dunque difficilmente la loro stazza stancherà l’utilizzatore durante la messa in piega. Ciò che invece bisogna analizzare è la grandezza della piastra, soprattutto qualora si avessero esigenze particolari, come per esempio poco spazio a disposizione per riporla o il bisogno di trasportare la piastra con sé in viaggio o in palestra: per rispondere a tali necessità, sarà opportuno optare per i modelli in versione “mini”, studiati proprio per garantire il massimo della leggerezza e una struttura compatta e portatile.

Punte isolate termicamente

Ad agevolare la presa della piastra intervengono anche i rivestimenti esterni in materiale atermico, che resta cioè sempre freddo ed evita scottature involontarie anche quando la piastra raggiunge temperature molto elevate. Alcuni modelli però sono dotati anche di estremità leggermente più allungate, anch’esse isolate termicamente, che permettono di maneggiare la piastra comodamente e serenamente, senza la paura o il pericolo di bruciarsi le dita.

Piastre basculanti

Un’ultima caratteristica che agevola la stiratura è la presenza di piastre basculanti, ovvero che si muovono sul piano orizzontale per meglio adattarsi alla ciocca durante la passata. Questo rende la presa della ciocca più salda, garantendo una lisciatura più precisa.Piastra per capelli placche basculanti

Accessori inclusi

Da ultimo, ma non per importanza, anche il pacchetto accessori che accompagna una piastra per capelli può aumentarne sensibilmente la praticità. Vediamo allora quali sono gli accessori più comuni.

Custodia
La presenza di questo accessorio è un extra che può rivelarsi comodo in diverse situazioni. Innanzitutto, è particolarmente pratico poter disporre di un astuccio da viaggio qualora si trasportasse spesso la piastra per capelli con sé. Inoltre, la custodia può essere anche un utile modo per riporre in maniera più adeguata e sicura la piastra anche in casa propria. Alcune custodie sono inoltre isolanti e consentono di riporre la piastra ancora calda.

Tappetino termico
Alcuni modelli prevedono questo accessorio da adagiare sulla superficie di lavoro, in modo da poter poggiare la piastra, anche quando è molto calda, su un mobile senza rovinarlo.

Dosatore e pettinino estraibile

Si tratta di accessori presenti quasi esclusivamente nelle piastre con tecnologia a vapore. Il dosatore è importante per riempire il serbatoio d’acqua in sicurezza, mentre il pettine aiuta il procedimento di stiratura distribuendo la ciocca senza il rischio di formare nodi proprio mentre si passa la piastra. Nelle piastre con funzionamento sia a vapore che tradizionale, il pettinino può essere estratto, come si può vedere nell’immagine qui sotto.Piastra per capelli a vapore pettinino estraibile

Le domande più frequenti sulle piastre per capelli

Quali sono le migliori marche di piastre per capelli?

Il nostro consiglio non è quello di privilegiare un brand nello specifico, ma di scegliere sempre delle aziende che siano abbastanza rinomate e conosciute in commercio, onde evitare di affidarsi a prodotti scadenti e prodotti con materiali e modalità oscure. Soprattutto considerando che la piastra per capelli è un piccolo elettrodomestico che raggiunge temperature elevate e che spesso viene utilizzato anche da adolescenti e ragazzine, è sempre meglio evitare di cedere alla tentazione di acquistare un prodotto economico di un brand sconosciuto, anche per essere più tutelati nella fase del post-vendita, qualora ci fossero dei problemi con la piastra oppure dei dubbi da esporre ad un servizio di assistenza al cliente. Le marche più diffuse e apprezzate soprattutto per efficacia e affidabilità sono: ghdRemington, caratterizzate sempre da un ottimo rapporto qualità/prezzo; Imetec con la sua linea Bellissima; Babyliss, Rowenta, Philips e Dyson, che recentemente ha immesso sul mercato numerosi apparecchi per la cura dei capelli.

Quanto costa una piastra per capelli?

Le piastre per capelli attualmente sul mercato italiano hanno dei prezzi variabili da un minimo di circa 15 € ad un massimo di circa 250 €, ma si possono raggiungere prezzi ancora più alti se parliamo di modelli innovativi e dotati di particolari tecnologie. Come si spiega una tale variazione di prezzo e come fare ad avere la certezza di spendere una cifra adeguata al prodotto selezionato? Sicuramente, il prezzo è un fattore indicativo di alcuni parametri quali, ad esempio, la tecnologia di funzionamento della piastra o di controllo della temperatura, i materiali utilizzati per il rivestimento, le funzioni e il tipo di alimentazione. Se avete esigenze di budget molto ristrette, siate consapevoli del fatto che potete anche accontentarvi di una piastra molto economica: sarà sicuramente in grado di stirarvi i capelli, ma saranno probabilmente necessarie diverse passate e l’apparecchio sarà meno attento alla salute e all’idratazione della chioma rispetto ad altri modelli più tecnologici e sofisticati. Quest’opzione è consigliata a chi, per esempio, sia alla ricerca di una piastra da utilizzare una volta ogni tanto, oppure voglia un secondo modello, magari da portare in viaggio o in giro con sé per sistemare i capelli fuori casa, mentre se pensate di utilizzare la piastra molto frequentemente è forse meglio investire in un modello di fascia superiore.

Come pulire la piastra per capelli?

Mantenere la propria piastra per capelli in buono stato è essenziale: se non ci prendiamo adeguatamente cura di questo strumento, infatti, finiremo non solo per compromettere il suo funzionamento, ma anche per danneggiare i nostri capelli.
Passando la piastra sulle ciocche, parte della cheratina e degli oli del capello si depositano sulle placche riscaldate; a questi si aggiungono i residui di prodotti per lo styling (gel, spume, spray e lacche), che con il passare del tempo creano una sottile pellicola sulla piastra, ostacolando la normale distribuzione del calore.
Per questo motivo, la piastra per capelli andrebbe pulita almeno una volta al mese, soprattutto se utilizzata quotidianamente. Pulire una piastra, in realtà, è molto semplice: basta passare un panno morbido e imbevuto di acqua tiepida sulle placche fredde, per poi igienizzarle con qualche goccia di alcool etilico denaturato; in questo articolo vi spieghiamo più nel dettaglio tutti i passaggi. Se invece volete sapere quanti anni dura una piastra per capelli e ogni quanto andrebbe cambiata, vi consigliamo di dare un’occhiata a questa rubrica.


Copyright Klikkapromo srl – È vietato ogni sfruttamento non autorizzato

Domande e risposte su Piastra per capelli

  1. Domanda di CINZIA | 03.06.2020 15:37

    Ciao, ho capelli sottili! Non vorrei rovinarli.. provato piastre in ceramica! Quale prodotto migliore per me? Aiutatemi a scegliere per non rovinare i capelli!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 05.06.2020 15:22

      Per i capelli fini di solito sono adeguate proprio le piastre in ceramica, “pura” o associata a titanio e tormalina.

  2. Domanda di Loretta | 23.02.2020 19:01

    Quale piastra mi consigliate per i capelli molto corti e crespi.
    Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 24.02.2020 08:47

      Ti possiamo consigliare la Remington S6500.

  3. Domanda di Ludovica | 06.02.2020 15:40

    Ciao, è la mia prima piastra.Ho capelli corti, ricci, crespi e trattati. Mi consigliate una piastra prezzo medio sia classica che wet and dry Grazie!

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 07.02.2020 09:22

      Sui capelli trattati ti possiamo consigliare la Remington S9600, che è molto delicata anche se non adatta all’uso sui capelli bagnati.

  4. Domanda di Cristina | 29.10.2019 19:50

    Una piastra wet and dry che posso usare sui capelli umidi? Grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 01.11.2019 10:44

      Ti consigliamo la Babyliss iPro 235 Intense Protect ST387E, una piastra utilizzabile anche sui capelli umidi e caratterizzata da un rivestimento in ceramica protettivo. Puoi dare un’occhiata anche al modello più completo, la BaByliss ST387E I-Pro, provvista anche di ionizzatore.

  5. Domanda di Federico | 16.06.2019 00:18

    Bellissima b9 300 morta
    Capelli lisci,lunghi,medio-fini.Cerco piastra larga ceramica e/o tormalina,1-2mm gap,ionizzante,ergonomica,maneggevole.
    Quale?

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 17.06.2019 10:14

      Per le tue esigenze, ti consigliamo la Rowenta SF6220 Liss & Curl Ultimate Shine: dotata di doppio ionizzatore, rivestimento in ceramica, piastre basculanti e un buon range di temperature selezionabili che arriva ad un minimo di 130°C, è particolarmente adatta anche a chi ha capelli lisci e non troppo spessi. Questa piastra inoltre si è rivelata molto maneggevole grazie al peso e alle dimensioni ridotte. Non è dotata di placche molto larghe ma sono lunghe a sufficienza da permettere una lisciatura abbastanza rapida. Un’alternativa potrebbe essere la Remington S5525, provvista di piastre molto larghe ma non dotata di ionizzatore.

  6. Domanda di gabriella ferrieri | 19.05.2019 21:37

    ciao,ho i capelli lunghi,robusti e mossi,leggermente crespi..cerco una piastra ottimale sia per lisciare che per fare i boccoli che durino.grazie

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 20.05.2019 09:50

      Per capelli spessi e mossi ti consigliamo la Remington S9600, a nostro parere una delle piastre migliori in commercio e che ha riscosso notevole successo anche tra gli utenti che l’hanno provata. Pur non dotata di ionizzatore, stira facilmente capelli folti e lunghi e, grazie alla sua forma arrotondata, consente di creare boccoli morbidi. Un modello alternativo adatto alle tue esigenze e dotato di ionizzatore, ideale quindi se hai capelli molto crespi, è la Babyliss ST389E iPro 235 XL Intense Protect.

  7. Domanda di Cristina | 09.05.2019 09:42

    Salve, cercavo una piastra a vapore buonissima… Non ho problemi di budget. Cosa mi consigliate?
    Ho sentito parlare di L’Oréal e di Philips, grazie.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 09.05.2019 10:04

      A nostro parere, la piastra a vapore L’Oréal Steampod 2.0 è quella che più si avvicina, per caratteristiche e performance, ad una piastra a vapore professionale. Altri modelli buoni e un po’ meno ingombranti sono la Imetec Bellissima My Pro Steam B28 100 e la piastra Babyliss iPro 230 Steam ST395E. Ti potrebbe essere utile inoltre leggere la nostra guida all’acquisto dedicata specificatamente alle piastre a vapore.

  8. Domanda di Rita | 06.08.2018 00:44

    Capelli grossi, mossi, molto crespi e voluminosi ho avuto liscio perfetto solo con ghd eclipse perfetta anche con umidità. Quale il degno sostituto? Help

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 06.08.2018 10:17

      Se ti sei trovata bene con i prodotti GHD, un ottimo marchio dalle prestazioni professionali, ti consigliamo la GHD Gold Styler, un’altra piastra per capelli di alta qualità.

  9. Domanda di Maria Rosa | 17.07.2018 13:27

    Ho bisogno di una piastra che stiri e lucidi i capelli senza rovinarli… Ho i capelli con doppie punte secchi e spezzati e uso la piastra tutti i dì.

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 18.07.2018 09:43

      Viste le tue esigenze, ti consigliamo la Remington S9600, un’ottima piastra di fascia di prezzo medio-bassa che dovrebbe essere più delicata sui capelli grazie al rivestimento in ceramica e proteine della seta; in alternativa, puoi dare un’occhiata alla Gama G-Evo-IHT, una piastra rivestita in titanio e perfetta per capelli fragili o trattati.

  10. Domanda di Alfredo | 28.06.2018 12:34

    Devo fare un regalo alla mia compagna, non ne faccio una questione di budget. Cosa mi consigliate? Utilizza la piastra una volta a settimana

    1. Risposta di Qualescegliere.it | 02.07.2018 11:22

      Se non vuoi badare a spese ti consigliamo la GHD Gold Styler, una piastra per capelli professionale e di ottima qualità.

La migliore
Dyson Corrale

Dyson Corrale

Migliore offerta: 449,00€

Il miglior rapporto qualità prezzo
Remington Keratin Protect S8598

Remington Keratin Protect S8598

Migliore offerta: 41,99€